Flora ALIENA 3

Indice (TOC)
Nessuna testata

Ambrosia (Ambrosia artemisiifolia)Alieni in Italia, le 10 specie  più pericolose


Origine: È una pianta tipica dell'America del Nord: si trova negli Stati Uniti e in Canada. È stata introdotta in Germania e in Francia a metà del XIX secolo. Da allora ha colonizzato quasi tutta Europa: dai paesi ex sovietici ai Balcani, fino all'Inghilterra e in alcune zone della Spagna. Si adatta facilmente a ogni ambiente: cresce ai bordi delle strade, nei cantieri, infesta i campi coltivati.

Effetti: Ma l'ambrosia non è tanto una minaccia per l'ambiente quanto per l'uomo: genera molto polline ed è una pianta fortemente allergenica. Nei luoghi più infestati è un vero problema sanitario. Una persona su dieci – normalmente non allergica – è colpita dagli effetti primaverili dell'ambrosia: è la prima causa della febbre da fieno, ma può provocare anche congiuntivite, asma e, più raramente urticaria e dermatite da contatto.

Dove si trova in Italia: È onnipresente soprattutto nell'Italia settentrionale: Lombardia e Piemonte in particolare. Ma si è sviluppata in tante altre regioni dell'Italia centrale come Lazio, Umbria, Marche e Toscana. Non risparmia neanche il sud: cresce in Campania e in Calabria. Da oltre dieci anni la Lombardia ha emanato un'ordinanza regionale per imporne lo sfalcio tra giugno e agosto. Chi non toglie l'ambrosia dai propri campi rischia 500 euro di multa.

 

Giacinto d'acqua (Eichhornia crassipes)Alieni in Italia, le 10 specie  più pericolose

Origine: Cresce sulla superficie di fiumi e laghi ed è nativa dell'Amazzonia. La sua bellezza è anche la sua rovina: già nel XIX secolo è stata importata in Egitto come pianta ornamentale. Ha causato molti danni in Etiopia e in Ruanda. Negli ultimi anni si è diffusa anche nelle aree più temperate dell'Europa. In alcuni paesi è addirittura in vendita al supermercato, nonostante sia una delle 100 specie invasive più pericolose al mondo.

Effetti: Nasce e germina in acqua: gli stoloni si dividono e producono tante altre piccole piante. Senza l'intervento dell'uomo il giacinto d'acqua è in grado di formare colonie immense, fino a coprire il letto di un fiume. Quando è molto sviluppato può soffocare i pesci, togliendo loro ossigeno. Impedisce il normale flusso delle acque e può portare a piene ed esondazioni. I danni economici sono altissimi, difficilmente quantificabili.

Dove si trova in Italia:
Per ora è diffuso solo in ristrette aree del Lazio e soprattutto in Sardegna, dove ha provocato una morìa di pesci nello stagno di Cabras, colonizzato con un tappeto lungo otto chilometri. Per debellarlo è stato invocato anche l'intervento dell'esercito. E potrebbe essere solo l'inizio: il giacinto d'acqua potrebbe espandersi in buona parte del paese, soprattutto il centro-sud.

 

Panace di Mantegazzi (Heracleum mantegazzianum)
Alieni in Italia, le 10 specie  più pericolose
Origine: È una pianta che può raggiungere anche i due metri e mezzo di altezza. I fiori - di colore bianco - arrivano fino a 5 metri. Proviene dal Caucaso e cresce soprattutto in ambienti di montagna. Si è estesa a tutta l'Europa centrale e ad alcune parti dell'Europa settentrionale, compreso il Regno Unito e addirittura in alcune località dell'Islanda. È stata introdotta in Europa come pianta ornamentale. Pare che il “peccato originale” sia degli inglesi, che nel 1817 la piantarono ai Kew Botanic Gardens di Londra.

Effetti: È una pianta molto pericolosa per l'uomo. Produce una linfa che rende la nostra pelle più sensibile ai raggi ultravioletti. In poche parole, se la pelle e la linfa entrano in contatto la panace può causare ustioni anche mortali.

Dove si trova in Italia: È già presente nelle regioni alpine e subalpine: Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia e Valle d'Aosta, dove è già partito un programma di eradicazione, ma può crescere facilmente anche lungo i fiumi. Se non si interviene, si estenderà a buona parte del nostro paese. I costi di eradicazione sarebbero ancora contenuti.

Etichette
Visualizzato commento 3 di 3 : vedi tutti
cosa ne pensate?
Inviato 17:12, 7 Nov 2014 ()
Moolto interessante!
Inviato 19:03, 7 Nov 2014 ()
Grazie
Inviato 21:01, 7 Nov 2014 ()
Visualizzato commento 3 di 3 : vedi tutti
E' necessario connettersi per inserire un commento.