STAGNO

Indice (TOC)
Nessuna testata

 

LO STAGNO

Dopo la merenda ci siamo recati allo stagno,il nostro intento era quello di catturare degli organismi o meglio piccoli animali che trovano il loro habitat naturale in questi bacini di acqua stagnante.

 

LA PESCA CON I RETINI

Per riuscire ad intrappolare quanti più organismi possibili,non potendo pescare  a mani nude ci siamo arrangiati all'uso di retini,che venivano prontamente svuotati in apposite ricolme di acqua dello stesso stagno;abbiamo usato di vetro(appositamente forati  per permettere il passaggio dell'aria necessaria) per "conservare" gli animali.L'acqua dello stagno era di un "verde fango",molto torbida poichè pioveva,quindi la visibilità era molto limitata.Benchè l'aspetto dell'acqua fosse poco invitante pullulava di  "vita",infatti c'erano molti girini (ci hanno spiegato che sul 100% di girini  soltanto il 10% dei girini diventerà rana, il 5% diventerà adulto e la metà si riprodurrà, quindi su 1000 girini, 25 faranno altri girini ! ),larve di salamandra e larve di libellula. C'erano anche molte alghe. Gli organismi che popolano lo stagno possono essere monitorati per il controllo dell'equilibrio naturale. La spiegazione su che cosa fossero questi organismi ce l'ha fornita la nostra guida, che ci ha poi accompagnati ad osservare gli animali catturati,al microscopio.

 

L'OSSERVAZIONE AL MICROSCOPIO

Una volta finita la "raccolta" degli organismi ci siamo recati nella stanza dove c'erano i microscopi per continuare la nostra indagine, gli organismi erano già visibli ad occhio nudo quindi non necissitavano di essere ingranditi molte volte, ma grazie al microscopio e alle lenti di ingrandimento si sono resi evidenti quei piccoli dettagli che sarebbero sfuggiti ad un occhio attento!

Dalle osservazioni al microscopio binoculare abbiamo imparato le caratteristiche degli animali pescati, ovvero:

- La larva di libellula ha delle mandibole allungabili, è molto feroce ed ha colori scuri;

- Il girino era molto grosso, con dei colori sgargianti quali verde, giallo, azzurro, blu e si vedevano già gli abbozzi delle zampe;

- La larva di salamandra aveva sulla faccia delle branchie simili a baffi, che poi scompaiono con il tempo, ed i suoi colori erano molto variegati.

 

 

 

 

 

Etichette
E' necessario connettersi per inserire un commento.