Namibia

Indice (TOC)
  1. 1.

Namibia – Bandiera

·   

La Namibia è uno stato dell’Africa sud-occidentale con capitale Windhoek. La Namibia ha una superficie complessiva di 824 115 km2. In questo stato vivono circa 2 143 411 persone ( meno della popolazione dell’intera città di Roma) di cui 306 000 vivono nella capitale. Tra i 2 milioni di persone solo il 33% della popolazione è urbana.  La Namibia ha una densità media bassissima (la terza più bassa dell’intero pianeta esclusi l’Antartide e l’Artide), di circa 3 ab./km2. In Namibia la popolazione attiva sono 807 000 persone mentre il 22% sono disoccupati. Molta popolazione è analfabeta (circa il 45%) e c’è un medico ogni 2000 abitanti.

                                                                 Geografia

 La Namibia confina anord con l’Angola e lo Zambia; a est con il Botswana e a sud-est con il Sudafrica; mentre ad ovest è bagnata dall’oceano Atlantico.Le foreste ricoprono solo il 9% della superficie della Namibia mentre il resto è occupato da deserti come il Namib e il Kalahari e dalla pianura nella fascia costiera. La montagna più alta è il Brandberg (2621m s.l.m.). Sul confine si trovano i maggiori fiumi della Namibia: a nord si trova l’Okavango, il Cunene e lo Zambesi, mentre a sud si trova l’Orange. Nella Namibia settentrionale si trova la palude Etosha.

                                                                    Clima

 Il clima della Namibia va dal clima desertico a quello subtropicale, ed è generalmente caldo ed asciutto, con precipitazioni scarse e variabili. La Namibia definisce se stessa come un paese arido. L´aridità del clima deriva dalla fredda corrente del Benguela che causa la condensazione del vapore acqueo sull´oceano Atlantico, lasciando quindi arrivare sulla costa aria secca.

 

Nel sud-est della Namibia ci sono dai 20 ai 250mm di pioggia all’anno (una zona arida per la presenza del deserto del Kalahari), mentre nel nord-ovest si arriva a 1000mm di pioggia.

 

            Storia

        I primi ad abitare la Namibia furono probabilmente i San (Boscimani), seguiti dai Nama e dai Damara. A partire dal XIV secolo giunsero nella regione diversi gruppi, fra cui gli Herero e gli Ovambo

   La regione corrispondente all'attuale Namibia iniziò ad essere esplorata dagli europei soltanto negli anni quaranta del XIX secolo. Nel 1884 finì sotto l'influenza della Germania, che le diede uno status di colonia con il nome di Africa Tedesca del Sudovest. Del territorio non faceva parte la Walvis Bay, caduta sotto il controllo britannico fin dal 1878, né le isole dei Pinguini, annesse alla comunità del Capo. Per effetto del trattato di Helgoland-Zanzibar, sottoscritto il 1º luglio 1890 tra l'Impero tedesco e l'Impero britannico, il gen. Leo von Caprivi, ottenne per la colonia tedesca dell'Africa del Sudovest una striscia di territorio di 450 km di lunghezza e 30 km di larghezza, già appartenente alla colonia britannica del Bechuanaland oggi Botswana, poi denominata "Dito di Caprivi. L'arrivo dei primi coloni tedeschi, negli ultimi anni dell'Ottocento e nei primi del Novecento, provocò una violenta reazione da parte di alcune etnie autoctone che si vedevano spogliate di molte delle proprie terre più fertili. In alcune zone scoppiò una vera e propria guerriglia (1904-1908) che fu repressa nel sangue dalle autorità germanica.                               

  Lingue

 

L'inglese è la lingua ufficiale del paese ma è lingua madre solo per il 6% dei bianchi; il tedesco, l'afrikaans e l'oshiwambo sono invece "lingue regionali riconosciute". L'87,5% della popolazione è nera e appartenente ai ceppi linguistici bantu e khoisan. Metà degli abitanti della Namibia parlano l'oshiwambo come lingua madre, ma l'afrikaans è comunque la lingua più compresa. Presso le generazioni più giovani l'afrikaans sta venendo gradualmente soppiantato dall'inglese, lingua ufficiale del paese. Sia l'afrikaans che l'inglese sono parlati principalmente come seconda lingua e utilizzati soprattutto a livello pubblico e istituzionale. Il tedesco è parlato specialmente nel sud del paese. La prossimità geografica al lusofono Angola ha permesso la diffusione di numerose persone parlanti portoghese. Nel 2011 erano stimate intorno a 100000 lusofoni, corrispondenti al 4–5% della popolazione totale.

                                                                          Etnie

L'82% della popolazione appartiene a etnie del gruppo bantu, suddivisa in almeno 11 etnie, tra cui predomina largamente l'etnia Ovambo (circa metà della popolazione, concentrata nel nord del paese). Altre  etnie nere sono quelle del gruppo khoisan (San e Nama). La percentuale di bianchi è intorno all'8%, la più  elevata dell'Africa subsahariana dopo quella del Sudafrica; si tratta soprattutto di tre gruppi principali: boeri, anglosassoni e tedeschi. Esistono anche minoranze olandesi, francesi e portoghesi. Vi sono infine due  gruppi di origine mista, chiamati coloured e baster, che contribuiscono alla popolazione totale per un altro 8%. I bianchi e i gruppi di etnia mista parlano quasi tutti l'afrikaans e sono culturalmente simili ai gruppi corrispondenti sudafricani. Una minoranza di bianchi ha invece mantenuto la cultura e la lingua originale  dei coloni tedeschi. Diversamente dal Sudafrica, non è presente una popolazione significativa di origine  asiatica.

                                                                       Politica

Il parlamento è composto da due camere: Consiglio Nazionale, formato da 26 membri che durano in carica sei anni; e l 'Assemblea Nazionale, composta da 78 membri con mandato quinquennale, dei quali 72 eletti con voto popolare e altri 6 nominati dal Presidente. La National Assembly rappresenta il vero organo legislativo, mentre il National Council ha una funzione consultiva. Il principale organo giudiziario è la Corte Suprema.### Originariamente espressione specifica degli ovambo, dagli anni ottanta ha perso questa connotazione accogliendo tra le sue fila esponenti di tutte le etnie del paese, inclusi bianchi dei vari gruppi, specialmente di origine tedesca.Il secondo partito politico del paese è l'Alleanza Democratica di Turnhalle, fondato negli anni settanta come federazione di diversi partiti, inclusi partiti a carattere etnico come la Christian Democrat Union, a prevalenza coloured, e il partito reubblicano degli afrikaaner

                                                                       Economia 

L'economia namibiana è fortemente legata a quella del Sudafrica. La principale attività economica è l'estrazione di minera. La Namibia è il quarto più importante esportatore africano di minerali non combustibili, e il quinto produttore di uranio nel mondo. Una parte importante dell'estrazione mineraria riguarda, come nel vicino Sudafrica, i diamanti; altre produzioni importanti sono quelle di piombo, ferro, zinco, argento#. Oltre la metà dei namibiani si dedicano all'agricoltura e all'allevamento; si coltivano principalmente mais e miglio e si allevano soprattutto capre e pecore. La produzione agricola comunque non copre il fabbisogno nazionale, che dipende al 50% dalle importazioni; si esporta invece la lana.Sebbene il reddito pro-capite sia in Namibia cinque volte quello dei paesi più poveri dell'Africa, la maggioranza della popolazione vive in povertà a causa della forte disoccupazione, della grande disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza, e della grande quantità di capitali che vengono investiti all'estero.

                                                                  Ambiente naturale

La fauna originaria della Namibia ha molto sofferto le battute di caccia grossa organizzate dagli europei fra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo. Gran parte della fauna dell'Africa Subsahariana è comunque ancora rappresentata, e nel Namib sono presenti numerose specie endemiche.

Namibia_20100822_0126a.jpg

                                                                       Mammiferi

 Namibia_20100901_0851a.jpg

                                                                   zebra e giraffa in primo piano,

un ghepardo, la sua preda e uno struzzo in secondo.   

                                                                     

Uccelli

Namibia_20100826_0276-pellicanoa.jpg

                                                                                                                                                                                                             un pellicano

                                                                           Sport 

Lo sport nazionale della Namibia è il rugby. Conseguentemente all'indipendenza dal Sudafrica, nel 1990 si formò la Nazionale di rugby della Namibia, il cui debutto al Mondiale si è verificato nell'edizione del 1999.

Fino all'indipendenza, i giocatori nativi della Namibia potevano essere convocati nelle file della rappresentativa sudafricana. Un esempio tra i più celebri è l'estremo Percy Montgomery, che è stato dei più forti interpreti al mondo del suo ruolo, nato nel 1974 a Walvis Bay (allora enclave del Sudafrica) e ritiratosi dalle competizioni nel 2009###

Lo sportivo più importante a livello mondiale è sicuramente Frank Fredericks, velocista di assoluto livello mondiale capace di conquistare quattro medaglie olimpiche (tutte d'argento, due a Barcellona 1992 e due ad Atlanta 1996 nei 100 e nei 200 metri piani) e quattro medaglie mondiali (oro a Stoccarda 1993, e argento a Tokyo 1991, Göteborg 1995 e Atene 1997, tutte nei 200 m piani). Dopo la fine della carriera agonistica, dal 2004 è entrato a far parte del Comitato Olimpico Internazionale.

La laguna a Sud di Luderitz è sede del più importante evento di Speed (gare di velocità per kitesurf e windsurf) al mondo. Gli organizzatori della prova hanno scavato un canale artificiale dove sono stati conseguiti i maggiori record di velocità a vela sull'acqua. Walvis Bay è invece la località dove è stato registrato il record di velocità assoluto per un mezzo nautico (65.45 nodi)[ 

 

 

 

 

 

Etichette
Visualizzato commento 3 di 3 : vedi tutti
belloooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
Inviato 11:00, 13 Mar 2015 ()
non mi pare abbiate ridotto la parte in eccesso
Inviato 17:14, 7 Apr 2015 ()
che vene pare
Inviato 16:34, 15 Apr 2015 ()
Visualizzato commento 3 di 3 : vedi tutti
E' necessario connettersi per inserire un commento.