I PAPPAGALLI generalità

Federica Della Torre,Giulia Pili,Luca Cani,Sascia Antonucci,Edoardo Gecchelin

Classificazione scientifica

Regno: Animale

Sottoregno: Metazoi

Tipo: Vertebrati

Classe: Uccelli

Sottoclasse: Neognati

Ordine: Psittaciformi

Famiglia: Loridi

Famiglia: Cacatuidi

Sottofamiglie: Cacatuinae e Nymphicinae

Famiglia: Psittacidi

Sottofamiglie: Strinopinae, Psittacinae, Micropsittinae, Nestorinae

 

Origine del pappagallo

 Il pappagallo

Il pappagallo ha origine antiche. Sono stati ritrovati resti fossili di pappagalli in Gran Bretagna ed in Francia.

Oggi  si trova una presenza massiccia di pappagalli  in Africa, Sudamerica, Australia.

Siccome in natura sono presenti moltissime specie di pappagalli, essi sono stati distinti in tre famiglie, la cui appartenenza dimostra differenti caratteristiche.

Le tre famiglie di pappagalli sono:

1. Cacatuidi: è la famiglia che contiene il minor numero di soggetti.  La caratteristica particolare di questa famiglia di pappagalli è il ciuffo erettile che l’uccello può sollevare quando vuole mostrare aggressività.    

2. Loridi: La caratteristica comune di questa famiglia è che hanno la lingua fatta in modo da permettere loro di raccogliere il nettare ed il polline dall’interno dei fiori. Sono dei pappagalli che hanno un carattere forte e sono anche aggressivi e rissosi. 

Lorichetto Arcobaleno (Trichoglossus haematodus)

3. Psittacidi: sono degli ottimi arrampicatori, ma non hanno delle eccellenti doti da volatori.

 

                                                                                     

 

              Trio di pappagalli su un ramo

 

I pappagalli hanno occhi tondi con una grande pupilla nera, cerchiata da un’iride che ha un colore che varia dal giallo all’arancio mattone.

Il becco è un elemento caratteristico del pappagallo, è a rostro, forte e grande, rappresenta un’arma di attacco e di difesa.

All’interno del becco, la lingua è grossa e corta ed è importantissima per identificare il cibo. Il collo è forte capace di ruotare di quasi 360 gradi.

 

 

La copertura delle piume e delle penne  è quella che dà la forma tipica dell’uccello che presenta colori vivacissimi.

Le zampe dei pappagalli sono fortissime, con quattro dita di cui due, il primo ed il quarto, rivolte all’indietro e il secondo e il terzo rivolte in avanti.

Le zampe sono corte con unghie robuste ed adunche.

Alimentazione del pappagallo

Tutti i pappagalli hanno una dieta vegetariana intregata, a volte, da qualche piccolo insetto o larva.

La maggior parte dei pappagalli si nutre di sementi e di frutta che raccoglie dagli alberi.

Ovviamente molti sono gli allevatori di pappagalli che devono cercare di fornire all’uccello un’alimentazione simile a quella in natura.

Il comportamento del pappagallo

Il pappagallo è un animale che ha una spiccata socialità ed una predisposizione alla comunicazione gestuale e vocale.

La comunicazione gestuale è la più antica ed infatti attraverso degli atteggiamenti del pappagallo si può capire cosa l’uccello ci vuole dire.

Infatti se allarga le ali e gonfia il piumaggio vuole dimostrare la sua forza ad un rivale; se allunga il collo in avanti e apre il becco è insofferente; se reclina il capo e arruffa le penne sta chiedendo attenzioni al compagno.

La comunicazione vocale invece rappresenta una forma più evoluta.

Ogni specie di pappagalli ha un richiamo vocale diverso per parlare tra di loro, poi ci sono i richiami tipici della specie che servono per comunicare in maniera specifica con gli appartenenti allo stesso gruppo familiare.

Le attività principali dei pappagalli sono: pettinare il piumaggio con il becco o farselo pettinare dal becco del suo compagno; ripulirsi le zampe sempre con il becco, pulire il becco strofinandolo sul ramo e parlare con gridolini con il suo compagno di gabbia.

I pappagalli sono monogami, le coppie una volta che si sono formate stanno sempre insieme.

Hanno un rapporto stretto anche con i figli, infatti entrambi i genitori si prendono cura dei piccoli anche dopo che sono cresciuti, fino a quando non creano una loro famiglia.

Etichette
Visualizzato commento 1 di 1 : vedi tutti
Giulia lo hai colorato te?
Inviato 20:58, 13 Gen 2016 ()
Visualizzato commento 1 di 1 : vedi tutti
E' necessario connettersi per inserire un commento.