GLI AZTECHI

Indice (TOC)
  1. 1. INTRODUZIONE:

Ricerca di Simone Prandin,Camilla Nicolosi e Greta Romeo della 2 D

INTRODUZIONE:

 

Gli Aztechi (termine che deriva da Aztlàn, la loro regione di provenienza) erano una civiltà precolombiana mesoamericana del Messico centrale. Si riferivano a se stessi col nome di Mexica. La capitale dell'impero azteco era Tenochtitlan, fondata su un'isola situata all'interno del lago di Texcoco. La loro espansione ebbe inizio nel 1325 e il loro impero diventò uno dei più grandi nel Mesoamerica

ABBIGLIAMENTO:   

Per gli Aztechi l’abbigliamento era un segno di distinzione sociale.Gli abiti da cerimonia erano fatti di piume del quetzal, il loro uccello sacro (lungo 40cm con una coda di 80cm).  I guerrieri portavano in testa una maschera di animale (giaguaro, uccelli, sciacalli). Lo scudo era fatto di liane intrecciate e piume d’uccello, ai fianchi indossavano un perizoma fatto di lana e in testa dei copricapo fatti di piume intrecciate. Ai piedi avevano sandali fatti con lacci intrecciati. I guerrieri erano vestiti come l’imperatore, ma senza mantello e meno riccamente.  Il popolo era vestito allo stesso modo, giorno e notte, in modo semplice e pratico, con tuniche fatte di lana di guanaco.  Gli uomini portavano un mantello corto e sopra un altro più corto a forma quadrata; l’indiano medio camminava a piedi nudi.  Le donne indossavano abiti della stessa forma ma con una grande varietà di disegni: una gonna lunga di tela, spesso finemente ricamata e stretta in vita da una cintura e una camiciola senza maniche. Quando uscivano infilavano un poncho. Solo i nobili potevano portare costumi lussuosi. Ai piedi portavano sandali di foglie e di pelle di animale con inserti in oro stretti da alcuni lacci.   I tessuti erano bianchi di cotone per i poveri, colorati, tessuti di piume di uccello e di peli di coniglio, per i ricchi.  Lo stregone era vestito con perizoma e mantello; aveva uno scudo fatto di piume di uccello e impugnava un bastone “magico”. Il copricapo era d’oro e di metalli preziosi con piume di quetzal                                                                                                                                                                                                                                                                          ABITAZIONI:                                                                                                                                                                                                                                    La casa azteca era semplice, aveva forma rettangolare ed era costruita in mattoni seccati al sole oppure in legno e frasche. Era ad un solo piano e presentava verso la strada o verso il canale una facciata senza finestre. Le più umili erano costituite da un solo ambiente; quelle di tipo medio avevano la cucina e una o più stanze per dormire. Le case degli artigiani e dei negozianti avevano anche laboratori o locali destinati ai depositi delle merci, spesso cortili su cui si affacciavano anche le stanze della casa.Le case più umili avevano nel cortile un locale in comune destinato ai bagni di vapore usato anche per curare molte malattie. Mentre le case più importanti ne avevano uno per ciascuno: Le case non avevano porte e l'ingresso era riparato da una coperta o una stuoia che facevano da tenda. I tetti erano piatti e sostenuti da travi.Gli Aztechi costruivano anche templi e palazzi in pietra, decorando gli edifici con conchiglie, metallo e pietre preziose. Gli Aztechi si lavavano di solito in stagni e fiumi, ma per partecipare a rituali usavano il bagno a vapore, come gli sposi per purificarsi.                                                                                                                                                        ALIMENTAZIONE:                                                                                                                                                                                                                       Il cibo degli Aztechi era costituito essenzialmente da vegetali, alcuni dei quali come il pomodoro, il peperoncino, il cacao e il mais crescevano solo in America e furono introdotti in Europa dopo la conquista. Un’altra costante del cibo azteco era il sale. La definizione base del digiuno azteco era quella di astenersi da questo alimento e dal peperoncino.Con il mais facevano focacce, mentre dal cacao ottenevano una bevanda amara che era offerta agli dei (non dolce come la cioccolata moderna); la carne era quella di tacchino (l'unico animale domestico, insieme al cane). In America, infatti, non venivano allevati animali particolari e non esistevano maiali, capre, pecore, buoi, cavalli, insomma tutti quegli animali presenti nelle campagne europee. Si mangiavano prevalentemente gli uccelli cacciati.  La combinazione di mais ed altri alimenti base come i fagioli, forniva all’azteco medio una dieta completa senza carenza di vitamine o minerali.Gli Aztechi erano abilissimi coltivatori. Sfruttavano ogni palmo di terreno anche dove il territorio era fangoso. Usavano il geniale sistema delle chinampas, zattere ricoperte dalla fanghiglia che tiravano su dal lago. Vi piantavano salici che tenevano insieme il terreno artificiale e ancoravano questi giardini galleggianti con lunghi pali di legno. I coltivatori si spostavano nei canali con le canoe.Coltivavano anche meloni e zucche.                                                                                                                                                                                                                            CURIOSITA :                                                                                                                                                                                                                                  Gli Aztechi lasciarono Aztlán guidati da un'antica profezia, secondo cui avrebbero dovuto stabilirsi e fondare la loro città in un luogo sacro, che gli sarebbe stato annunciato dalla visione di un'aquila che mangia un serpente in cima ad un cactus. Scorsero quest'immagine nell'isola al centro del lago Texcoco e lì, nel 1325, decisero di costruire Tenochtitlán (dal nome del leggendario fondatore e capo Tenoch). Quell'immagine oggi è raffigurata nello stemma del Messico ed è presente al centro della bandiera messicana.IlGioco della pallaera uno sport con forti connotati rituali praticato per oltre 3.000 anni dai popoli della mesoamerica precolombiana. Nel corso dei secoli sono esistite molte varianti di questo sport nei diversi luoghi in cui è stato praticato e sue versioni moderne, il tlachtlie l'ulama, continuano ad essere giocate dagli indigeni del centroamerica.  Sono stati trovati campi da gioco in tutta l'America centrale, a partire dal Nicaraguaa sud fino ad arrivare, anche se in questo caso l'associazione con il gioco mesoamericano è discussa, all'Arizona. Le dimensioni di questi campi sono molto diverse, ma tutti presentano un corridoio centrale lungo e abbastanza stretto con muri sui due lati sui quali la palla poteva rimbalzare.Le regole del gioco non sono note. In base alle caratteristiche del suo tardo discendente l'ulama si ipotizza che fosse simile a sport come la pallavolo o il raquetball, in cui lo scopo è tenere la palla in gioco. I cerchi in pietra sui muri laterali, nei quali la palla doveva essere fatta passare, furono aggiunti al gioco solo in epoca successiva.  Nella versione più diffusa di questo sport i giocatori dovevano colpire la palla con le anche, oppure usare gli avambracci o addirittura racchette o bastoni. La palla era fatta di solida gomma e arrivava a pesare anche oltre"4 chilogrammi". Le sue dimensioni variavano a seconda del periodo storico o della versione del gioco che veniva praticata. Gli Aztechi, come i Maya, mescolavano il lattice estratto dall’albero della gomma con succhi di altre piante per ottenere una sostanza più dura o elastica, e usarla anche per creare i palloni dei leggendari tornei di calcio mesoamericani.                                                                                                                                                                                                                        Calendario Solare di 365 giorni, calcolato secoli prima dai Maya. I cicli “secolari” degli Aztechi coprivano un arco di tempo di 52 anni e ogni cambio di secolo era preceduto da giorni di angoscia e di terrore per la fine del mondo. Ogni anno veniva celebrata la cerimonia del Fuoco Nuovo che iniziava con l’osservazione degli astri.Per comprendere il pensiero azteco fu di grande importanza la scoperta della cosiddetta “Pietra del Sole” sotto "la Cattedrale"  di Città del Messico, una scultura sfuggita miracolosamente alla distruzione degli idoli da parte dei Conquistadores. Si tratta di un disco di pietra dal diametro di 3 metri e mezzo che pesa più di 24 tonnellate e che raffigura il Calendario e la cosmogonia degli Aztechi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Le maschere azteche: Presso gli Aztechi le maschere venivano create, non per abbellimento ma estetiche ma per fini religiosi. Venivano usate durante le danze e il loro scopo, come quello della musica e dei movimenti incessanti, era quello di portare i presenti a perdere il controllo di se stessi e credere così che i voti per ottenere il favore degli dei fossero stati esauditi.                                                              Forse le maschere azteche più spettacolari sono quelle che ritraggono il dio Xipe Totec, dio della fertilità. I sacerdoti indossavano maschere fatte con la pelle scuoiata delle vittime sacrificali. Il dio veniva dipinto vestito in questo modo con gli occhi chiusi e la bocca spalancata.Una maschera in oro fuso rappresentante il dio Xipe Totec, è stata rinvenuta in una tomba.                                                                                                                                                                                                                        Il turchese era il materiale più comune, ma venivano usate anche altre pietre come la giada, il quarzo, la malachite ecc.

 

                                                         Camilla Nicolosi Simone Prandin Greta Romeo 2^D

 

Etichette
Visualizzato commento 1 di 1 : vedi tutti
Io ho messo la ricerca sugli aztechi l'unica pecca è che i titoli sono un po' spostati!!!!!! :(
Ciao a domani!!!!!!!!! :) =)
Inviato 19:56, 22 Gen 2014 ()
Visualizzato commento 1 di 1 : vedi tutti
E' necessario connettersi per inserire un commento.