IL PETROLIO

Indice (TOC)
Nessuna testata

il petrolio 

 

CHE COSE’?

Il petrolio (dal un termine latino che significa “olio della roccia”), anche detto oro nero, è un liquido infiammabile,viscoso, di colore che può andare dal nero al marrone scuro, passando dal verdognolo fino all'arancione. Quasi sempre ha una massa volumica inferiore a quella dell'acqua. È composto da una miscela di vari idrocarburi, sostanze formate solo da idrogeno e carbonio.

È detto greggio o grezzo il petrolio così come viene estratto dai giacimenti, cioè prima di subire qualsiasi trattamento teso a trasformarlo in successivi prodotti lavorati.

 

Paese Milioni di barili (bbl)  % sul totale Vita media residua
1 Venezuela Venezuela 296.500 17,9% ND
2 Arabia Saudita Arabia Saudita 265.500 16,1% 61,8
3 Canada Canada 175.200 10,6% ND
4 Iran Iran 151.200 9,1% 93,1
5 Iraq Iraq 143.100 9,1% ND
6 Kuwait Kuwait 101.500 6,1% 94,6
7 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 97.800 5,9% 78,7
8 Russia Russia 88.200 5,3% 21,5
9 Libia Libia 47.100 2,9% ND
10 Nigeria Nigeria 37.200 2,3% 39,0
11 Stati Uniti Stati Uniti 30.900 1,9% 9,5
12 Kazakistan Kazakistan 30.000 1,8% 42,2
13 Qatar Qatar 24.700 1,5% 34,8
14 Brasile Brasile 15.100 0,9% 14,6
15 Cina Cina 14.700 0,9% 7,5
16 Angola Angola 13.500 0,8% 18,6
17 Algeria Algeria 12.200 0,7% 16,7
18 Messico Messico 11.400 0,7% 8,1
19 Azerbaigian Azerbaigian 7.000 0,4% 18,9
20 Norvegia Norvegia 6.900 0,4% 6,4
  Resto del mondo 81.200 6,1% *
       
46 Italia Italia                      1.400                          0,1%              31,9                         

 DOVE SI TROVA IL PETROLIO?

Il petrolio, come molte altre materie prime, è distribuito sulla Terra in modo omogeneo. I paesi più ricchi di petrolio, sono quelli del medio oriente (IRAK, IRAN,ARABIA SAUDITA E KUWAIT), le due Americhe,(USA, MESSICO,  VENEZUELA in particolare),  l'Africa Settentrionale, l'Algeria, la Libia, la Russia. Molti altri paesi industrializzati, tra i quali l'Italia, non dispongono di giacimenti e devono  quindi ricorrere all'importazione. Molti altri, pur disponendo di ricchi giacimenti preferiscono acquistare il petrolio all'estero e conservare le proprie risorse. Al contrario i paesi ricchi di petrolio sono in genere poco industrializzati. A causa di questi squilibri tra consumo e produzione, da quando è diventato la fonte energetica fondamentale per l'economia industriale, il petrolio è un bene assai prezioso ed è importante che tra i paesi produttori e consumatori vengano ricercate soluzioni di collaborazioni per scongiurare "CRISI PETROLIFERE" che creano gravi danni all'economia di molte aree. Inoltre, anche se "L'ERA DEL PETROLIO" durerà ancora diversi decenni, l'esaurimento delle risorse mondiali è una realtà che deve indurre tutti a riflettere e a modificare i propri comportamenti all'insegna del "risparmio energetico".

 

 

I PROBLEMI

I principali problemi che caratterizzano il petrolio sono tre:

1.LE PETROLIERE: il petrolio viene trasportato su grandi navi, le petroliere, che quando si rovesciano provocano delle grandi macchie di petrolio che vanno a inquinare le acque del mare. Questo provoca la morte di molti animali come pesci e gabbiani che intenti a pescare si tuffano nel mare e poi si ritrovano bloccati in una chiazza di petrolio.

2.FONTE LIMITATA: il petrolio non si rigenera continuamente, sulla Terra ce n'è una quantita limitata... MA QUANDO FINRANNO LE RISERVE DI PETROLIO, COME FAREMO? Ormai l'uomo usa il petrolio per fare di tutto (carburanti, oggetti...), ma quando questo materiale terminerà, come faremo a svolgere le normali attività che facciamo tutti i giorni ora, come uscire e prendere la macchina per andare da qualche parte?

3.LE GUERRE: appunto per il fatto che il petrolio è un materiale indispensabile e piuttosto pregiato ci sono in corso molte guerre per il predomino su territori ricchi di petrolio. Quando il petrolio terminerà, queste guerre non esisteranno più, ma per il momento causano la morte di moltissime persone ogni giorno, sopratutto nei paesi poveri dell'Africa, dellAmerica meridionale... 

Etichette
E' necessario connettersi per inserire un commento.