Archimede

                                                   archimede.jpg

 

 

2                                             

Archimede di Siracusa (287 a.C.-212 a.C.)  èstato un matematico, ingeniere, fisico  e inventore greco antico (siceliota). È uno dei massimi scienziati della storia. 

 

La morte di archimede

La leggenda ha tramandato ai suoi successori anche le ultime parole di Archimede, rivolte al soldato romano che stava per ucciderlo: «noli, obsecro, istum disturbare» (non rovinare, ti prego, questo disegno).Plutarco, dal canto suo, narra tre differenti versioni della morte di Archimede:

-Nella prima afferma che un soldato romano avrebbe intimato ad Archimede di seguirlo da Marcello; al suo rifiuto di farlo prima di aver risolto il problema cui si stava applicando, il soldato lo avrebbe ucciso. 

-Nella seconda un soldato romano si sarebbe presentato per uccidere Archimede e quest'ultimo lo avrebbe pregato invano di lasciargli terminare la dimostrazione nella quale era impegnato. 

-Nella terza, dei soldati avrebbero incontrato Archimede mentre portava a Marcello alcuni strumenti scientifici, meridiane, sfere e squadre, in una cassetta; i soldati, pensando che la cassetta contenesse oro, lo avrebbero ucciso per impadronirsene.

 

    

 

INVENZIONI

 

La vite di Archimede

La vite di archimede consiste, in un enorme vite cilindrica inserita in un tubo, il quale era immerso nell'acqua.  Quando la vite veniva fetta ruotare l'acqua si solleveva. Questa macchina, fu usata per molti secoli come pompa per l'acqua.

 


La vite di Archimede

 

 

 Il planetario                                                                                                                                            

Una delle realizzazioni tecniche di Archimede fu il suo planetario che consiste, in un apparecchio che riproduceva lo spazio su una sfera e un altro che indica va il moto del sole. Questa macchina serviva a sapere quando  ci saranno le eclissi del sole e della luna nei tempi giusti.

         

 

 

Principio di Archimede

Archimede, mentre faceva il bagno scoprì che le gambe e le braccia sembravano più leggere e notò che galleggiavano. Da ciò scoprì che un corpo immerso in un liquido riceve una spinta dal basso verso l'alto uguale al peso del liquido che sposta. Si narra che a questa scoperta gridòEUREKA!!!!!!!

                                                                      

La leva

La leva è anche chiamata da Archimede "Sull'equilibrio dei piani".   La leva è composta da un piano sollevato dal fulcro indicato da un triangolo, poi ci sono le due forze  potenza (è la massa che fa sollevare la massa opposta) e resistenza (cioè la massa che deve essere sollevata che quindi fa resistenza)

Le forze applicate alla leva vengono generalmente chiamate ”resistenza” e “potenza”. La leva di 1° genere che abbiamo visto ha il fulcro disposto tra resistenza e potenza.
Si hanno anche leve di altro genere con il fulcro posto all'estremità dell'asta rigida.
Nella leva di 2° genere la resistenza è posta tra il fulcro e la potenza; è sempre vantaggiosa poichè il braccio della potenza è sempre più lungo del braccio della resistenza.
Nella leva di 2° genere la potenza è posta tra il fulcro e la resistenza ed è quindi sempre svantaggiosa.

Etichette
Visualizzato commento 4 di 4 : vedi tutti
chi lo fa questo file???? :) 12:49, 27 Mar 2013 modificato
Inviato 12:49, 27 Mar 2013 ()
Io e la Marta
BELLO vero ???????!!!!
Inviato 18:36, 3 Apr 2013 ()
Non potrebbe essere fatto meglio! Hai visto archimede?
Inviato 14:21, 18 Apr 2013 ()
SI è BELLISSIMOOOOOOOOOOOOOOO!
Inviato 12:36, 19 Apr 2013 ()
Visualizzato commento 4 di 4 : vedi tutti
E' necessario connettersi per inserire un commento.