Riproduzione sessuata

Indice (TOC)
Nessuna testata

                                    

La riproduzione sessuata o gamica consiste nella fusione di due cellule specializzate, chiamate gameti, che si fondono formando uno zigote, la prima cellula dalla quale si svilupperà il nuovo organismo. Questa trasformazione avviene, nelle piante, attraverso due modalità specifiche. Ci sono piante che si riproducono per mezzo delle spore (briofite ed pteridofite) e altre che utilizzano i semi (dimnosperme e angiosperme).

Le piante che si riproducono attraverso le spore sono piante terrestri che hanno mantenuto un legame con l’acqua, infatti la presenza di acqua è necessaria per la fecondazione. In questo caso il gamete maschile raggiunge quello femminile nuotando trasportato dall’acqua. Le spore sono cellule molto resistenti, in grado di mantenere uno stadio di riposo quando le condizioni climatiche non permettono loro lo sviluppo.

Le piante che si riproducono attraverso il seme, invece, hanno sviluppato nel tempo delle particolari strutture atte alla protezione dei gameti e alla fecondazione certa, anche in assenza di acqua.

In entrambe le specie, la riproduzione sessuale è regolata da un ciclo vitale, nel quale si alternano due fasi: la generazione diploidee la generazione aploide. La generazione diploide prende il nome di sporofito (pianta con spore), mentre la generazione aploide prende il nome di gametofito (pianta con gameti).

Un esempio di questa alternanza lo vediamo nei muschi. Durante la primavera, dal manto del muschio nascono dei sottili peduncoli che terminano con delle piccole capsule. Dentro ad esse si formano le spore, in grado di germinare e dare origine a un nuovo organismo senza unirsi ad altre cellule. Quando la capsula si apre, le spore cadono al suolo e sviluppano sottili filamenti ramificati, ricchi di clorofilla, che si ancorano al terreno attraverso i rizoidi. Sulla superficie di questi filamenti si formano le gemme, dalle quale si sviluppano i fusticini con i gameti maschili e femminili. Da questa unione, nascerà la nuova piantina che porta la capsula con le spore. Per far sì che questo fenomeno si manifesti, è necessaria però la presenza, anche minima, di acqua che trasporti il gamete maschile verso quello femminile.

Altro esempio, questa volta riguarda una conifera (gimnosperme), cioè una pianta terrestre completamente indipendente dall’acqua. La riproduzione avviene, infatti, attraverso i semi. In questo caso, la pianta produce due tipi di spore in due coni diversi: maschili e femminili. I coni, o pigne, sono formati da foglie modificate disposte attorno ad un asse. Le squame dei coni maschili, portano sacche polliniche in cui si formano i granuli di polline. Le squame dei coni femminili, invece, portano gli ovuli dove si svilupperà il gametofito femminile. I granuli di polline, dispersi nel vento, raggiungono i coni femminili. Dal polline si sviluppano un tubetto pollinico dal quale fuoriescono i gameti maschili che fecondano la cellula uovo. Si forma così lo zigote e infine il seme che, cadendo al suolo, darà origine ad una nuova piantina.

L’ultimo esempio riguarda la riproduzione di una angiosperme, pianta che si riproduce attraverso semi che però si sviluppano in un organo che garantisce il successo della fecondazione: il fiore. Il cliclo vitale delle angiosperme comprende un ciclo sporofito e i gametofiti, maschili e femminili, sono formati da poche cellule contenuti nei granuli di polline e nell’ovulo.

Etichette
E' necessario connettersi per inserire un commento.