I Scuola Media Moro > ARCHIVIO > Terza F 2011/2012 > Scienze > Apparati e sistemi > L' APPARATO DI SOSTEGNO (OSSA E MUSCOLI)

L' APPARATO DI SOSTEGNO (OSSA E MUSCOLI)

Indice (TOC)
  1. 1.
  2. 2.  

photo edited for free at www.pizap.com

 

 

LE OSSA               

 

L'apparato di sostegno del corpo umano  è lo scheletro, formato dalle ossa, dalle cartilagini e dalle articolazioni. Esso non da solo forma e sostegno al corpo, ma è indispensabile al movimento perchè provvede, insieme ai muscoli, alla locomozione. alcune parti dello scheletro svolgono funzione di protezione per gli organi interni. Le ossa inoltre accumulano materiali di riserva e nel midollo osseo vengono prodotte le cellule del sangue.

 

Nello scheletro dell'uomo si possono riconoscere tre parti:

  • scheletro del capo

  • scheletro del tronco

  • scheletro degli arti

 LO SCHELETRO DEL CAPO

 Lo scheletro del capo comprende la scatola cranica e le ossa della faccia. La scatola cranica è formata da ossa piatte con i margini seghettati e saldate tra loro da suture. Al suo interno troviamo il cervello. Alla base del cranio vi è il forame occipitale, un foro che serve sia al passaggio del midollo spinale sia all'articolazione della testa con la colonna vertebrale. Lo sheletro della faccia è formato da ossa di varia forma unite tra loro da articolazioni fisse, a eccezione della mandibola che è mobile rispetto al cranio.


  LO SCHELETRO DEL TRONCO

Lo scheletro del tronco è formato alla colonna vertebrale e dalla gabbia toracica delimitata dalle costole e dallo sterno.La colonna vertebrale, struttura portante dello scheletro, è formata da 33-34 ossa corte sovrapposte dette vertebre. Ogni vertebra è separata dall'altra da un disco intervetrebrale. I dischi intervertebrali svolgono la funzione di ammortizzatori: assorbono i colpi che la colonna inevitabilmente subisce e danno alla colonna, nel suo insieme, una discreta flessibilità. Le vertebre si dividono in cervicali (7 vertebre), toraciche (12), lombari (5), osso sacro ( formato da 5 vertebre saldate tra loro) e dal coccige (formato da 4-5 piccole vertebre saldate in un unico osso appuntito).La  gabbia toracica è formata da 12 paia di costole (ossa piatte a forma di nastro incurvato) che si articolano posteriormente con le vertebre toraciche per mezzo di articolazioni cartilaginee. Le prime 7 costole, dette costole vere, si uniscono anteriormente allo sterno ( un osso piatto disposto verticalmente nel petto ); le 3 successive, dette false costole, sono unite anteriormente tra loro da una cartilagine a sua volta articolata con lo sterno; le ultime 2 costole sono dette costole fluttuanti, perchè sono più corte e non raggiungono lo sterno. La gabbia toracica protegge il cuore e i polmoni.


   LO SCHELETRO DEGLI ARTI

Gli arti sono quattro: due arti superiori e due arti inferiori. L'arto superiore, formato dal braccio, dall'avambraccio e dalla mano, si collega alla colonna vertebrale per mezzo del cinto scapolare ( formato da due ossa: la scapola e la caviglia). Lo scheletro del braccio è costituito da un solo osso, l'omero. Lo scheletro dell'avambraccio comprende il radio e l'ulna. La mano, infine, è costituita da ben 27 ossa: le ossa del carpo, quelle del metacarpo e le falangi.Gli arti inferiori sono collegati alla colonna vertebrale mediante il cinto pelvico, formato dalle ossa del bacino (ilio, ischio e pube). Nell'arto inferiore distinguiamo tre parti: la coscia, la gamba e il piede. Lo scheletro della coscia è costituito da un solo osso, il femore. lo scheletro della gamba comprende la tibia e il perone. Il piede è costituito da ben 26 ossa: le ossa del tarso, quelle del metatarso e le fala

 

I MUSCOLI

ginnico, ginnastica, parallele, salto, aerobica, olimpiadi, fatoca, muscoli, legiadria, legiadro, agile

 

<meta content="text/html; charset=utf-8" http-equiv="CONTENT-TYPE"/> <title/> <meta content="OpenOffice.org 3.3 (Win32)" name="GENERATOR"/><style type="text/css"></style>

Il Sistema Muscolare

E' l'insieme dei tessuti dei Muscoli che permette la locomozione del soggetto e lo scorrimento di sostanze organiche interne come sangue e cibo.                                                                                                                                        Contrazione: Effetto prodotto dall'accorciamento delle fibre muscolari provocato dallo stimolo nervoso che produce tensione  o lavoro meccanico.
Nei Vertebrati il sistema muscolare è costituito da due tipologie di Muscoli:

-Muscoli volontari (circa 1000) detti Scheletrici, che sono di natura striata e che permettono il movimento del soggetto.
Sono legati alle ossa
tramite tendini e vengono spesso indicati anche come muscoli scheletrici.Sono formati da fibre.
Esse hanno lunghezza differente. Ogni fibra, fascio di fibra, muscolo è rivestito da tessuto connettivo, che funge da collante tra le varie fibre, così che la loro contrazione venga estesa a tutto il muscolo.


-Muscoli involontariche sono invece di natura liscia. Vengono detti anche muscoli viscerali perché si trovano a ricoprire gran parte delle pareti degli organi interni, come nel tratto digestivo, nella vescica, nei dotti, nelle arterie, nelle vene, ecc.
I Muscoli Lisci sono formati da cellule a forma affusolata con un solo nucleo e che non presentano striature. Sono muscoli involontari perché non dipendono dal nostro controllo. Il loro movimento è debole e mantenuto nel tempo. 


-Il muscolo cardiacoè di natura involontaria ma di struttura striata.Si trova innervato dal sistema neurovegetativo.
Insieme al
sistema articolare,al sistema cardiaco ed al sistema scheletrico formano l'apparato locomotore.

Dal punto di vista della funzione motoria è possibile distinguere muscoli deputati alla statica, in particolare i muscoli della parte posteriore del corpo, e deputati alla dinamica, rappresentati grossomodo dai muscoli della parte anteriore.
Importantissima è la correlazione col
sistema nervoso, il quale partecipa alla contrazione muscolare.


Funzionamento dei Muscoli:
La mioglobina cattura l'ossigeno presente nel sangue per cederlo poi, alle fibre muscolari quando ne hanno bisogno.
Le miofibbrille immerse in un liquido ricco di mitocondri e di mioglobina, sono la parte più importante del muscolo ed è grazie a loro che avviene il movimento.


MOVIMENTO DEI MUSCOLI :
Le miofibbrille contengono filamenti proteici: la miosina e l'actina. L'actina è legata alla miosina attraverso ponti mobili che servono per la contrazione del muscolo : in questo processo, si avvicinano i filamenti di astina, provocando un accorciamento di tutta la fibra muscolare. La distensione del muscolo si verifica con il processo opposto, ossia, quando lo stimolo cessa, i ponti si staccano e la fibra muscolare si riallunga.

ENERGIA:
L' ATP cede l'energia necessaria per i muscoli. L'ATP è presente in piccola quantità nei muscoli, ma può cedere costantemente energia, grazie al suo continuo riformarsi. La trasformazione da ADP ad ATP è detta ricarica dell'ATP; questa trasformazione per essere eseguita, ha bisogno di una fonte di energia che può essere ceduta in 2 modi: con l'aiuto dell'ossigeno o senza aiuto dell'ossigeno.

PROCESSO AEROBICO:
Nei muscoli sono presenti glicogeno(zucchero) e in caso di necessità anche acidi grassi. Quando queste 2 sostanze vengono a contatto con l'ossigeno trasportato dal sangue, bruciano producendo l'energia necessaria per trasformare l'ADP in ATP e producendo come sostanze di rifiuto l'anidride carbonica e l'acqua.

PROCESSO ANAEROBICO :
Processo anaerobico alattacido: avviene grazie ad una piccola quantità di sostanza altamente energetica presente nel muscolo, trasforma rapidamente ADP e ATP. Processo anaerobico lattacido: gli zuccheri si scindono in energia e in acido lattico.
Una parte di acido viene accumulate nei muscoli, mentre un'altra è portata dal sangue al fegato che lo trasforma in zucchero.
La sensazione di fatica è data dall'accumulo di acido lattico. Se il lavoro muscolare e moderato, dipende dall'esaurimento di materiali energetici

 


 scheletro[1].jpg

Etichette
Visualizzato commento 1 di 1 : vedi tutti
Molto bene
Inviato 20:22, 10 Feb 2012 ()
Visualizzato commento 1 di 1 : vedi tutti
E' necessario connettersi per inserire un commento.