Apparato digerente

Indice (TOC)
    1. 1.1. LA FARINGE:
  1. 2. L' ESOFAGO: 
  2. 3. TABELLA:

pizap.com13154715910032.jpg

 

LA BOCCA:

 

 

LA FARINGE:

 

La faringe è un organo in comune con il sistema respiratorio. Riceve il bolo alimentare proveniente dalla cavità orale e lo convoglia, con la deglutizione, nell'esofago.Con la deglutizione, la faringe si alza e l'epiglottide chiude l'ingresso verso la trachea. Il bolo alimentare passa nell'esofago. Con questa azione semivolontaria inizia la peristalsi: che si propagherà attraverso l'esofago trasportando così il bolo verso lo stomaco.

 

 

L' ESOFAGO

L'esofago è un canale lungo circa 20 cm che attraversa il diaframma e arriva nello stomaco. La parte dell'esofago, come quella di tutto il resto del canale alimentare, è costituita da due strati di muscolatura liscia . La contrazione dello strato circolare più interno provoca la chiusura del canale alimentare, mentre lo strato muscolare longitudinale provoca l'accorciamento dell'esofago. Le contrazioni alternate della muscolatura circolare e di quella longitudinale sono responsabili dei movimenti peristaltici, che spingono inferiormente il bolo verso la valvola cardioesofagea.

 

LO STOMACO:

 

È il primo organo cavo del sistema digerente individuabile in cavità addominale. L'epitelio dello stomaco secerne principalmente enzimi proteolitici come pepsina e chimosina. L'esofago, dopo aver attraversato l'adito esofageo si fonde con lo stomaco a livello della valvola chiamata cardias . Nello stomaco avviene l'attacco principale alle sostanze del cibo e la loro lisi (soprattutto per quanto riguarda le proteine), ad opera di enzimi litici, tra i quali la pepsina , che serve per rendere le proteine  sostanze più semplici, e l'acido doridgo che rende acido il contenuto dello stomaco, che, nel complesso, costituiscono i succhi gastitrici . Dopo grazie ai movimenti peristaltici il bolo, adesso chimo, si muove verso il piloro che lo porterà all'intestino tenue.

 

 

 

L' INTESTINO ------> TENUE:

 

L'intestino tenue e' lungo 8 m; e' suddiviso in:

-duodeno, (dove si riversa la bile e il succo pancreatico)

- digiuno, (ricco di villi intestinali)

- l'ileo (è il tratto più lungo)

 Nell'intestino tenue si completa la digestione grazie all'azione della bile (che emulsiona i grassi), del succo pancreatico (composto dagli enzimi amilasi tripsina lipasi) e il succo enterico (contiene gli enzimi che concludono la digestione, trasformando i vari principi nutritivi in amminoacidi, glucosio, acidi grassi e glicerina). L'intestino tenue ha una membrana interiore che la rende ruvida, i villi intestinali che sono ruvidi grazie ai vasi sanguigni che hanno una parete sottile proprio per assorbire meglio le sostanze.

 

Intestino tenue e crasso sono suddivisi grazie all'ileocecale.

 

L' INTESTINO ----> CRASSO:

 L'intestino crasso e' lungo circa 2 m si divide in:

 -cieco (che presenta l'appendice)

- colon (che si divide in ascendente,colon traverso e colon discendente)

- il retto

TABELLA:

 

 

 

Etichette

File 1

Nome FileDimensioneDataAggiunto da 
 CHIARA_A_LA_DIGESTIONE[1].doc Visualizzazione
Nessuna descrizione
379 kB16:16, 13 Giu 2011calcaterraAzioni
Visualizzato commento 1 di 1 : vedi tutti
Bellissima questa parte
Inviato 20:23, 10 Feb 2012 ()
Visualizzato commento 1 di 1 : vedi tutti
E' necessario connettersi per inserire un commento.